SEI IN > VIVERE GORIZIA > CRONACA
articolo

21 arrestati e 676 indagati: il bilancio di fine anno dei controlli della polizia ferroviaria friulana

3' di lettura
20

125.006 le persone controllate, 21 arrestati e 676 indagati. è questo il primissimo bilancio di fine anno dei controlli della Polizia Ferroviaria del Friuli Venezia Giulia.

Durante l’anno sono state impiegate 7297 pattuglie in stazione e 1272 a bordo treno. Sono stati presenziati complessivamente 2528 convogli ferroviari. Sono stati inoltre predisposti 148 servizi antiborseggio in abiti civili, sia negli scali che sui treni. Sono stati inoltre controllati 2695 veicoli e sono state elevate 174 contravvenzione per violazioni del Regolamento di Polizia Ferroviaria e del Codice della Strada. Sono state sequestrate alcune armi da taglio e oltre un etto di sostanze stupefacenti, con numerose sanzioni per uso personale, elevate a carico prevalentemente di giovani anche di età inferiore ai 18 anni.

Le attività di prevenzione sono state incentivate con un aumento delle giornate straordinarie di controllo del territorio per un totale di 39 operazioni organizzate dal Servizio Polizia Ferroviaria in ambito nazionale: 15 “Stazioni Sicure”, finalizzate al contrasto delle attività illecite maggiormente ricorrenti in ambito ferroviario; 13 “Rail Safe Day”, finalizzate a prevenire comportamenti impropri o anomali, spesso causa di investimenti, 11 “Oro Rosso”, finalizzate al contrasto dei furti di rame e 2 “Action Week”, finalizzate al potenziamento dei controlli, nel trasporto ferroviario di merci pericolose. Inoltre, in campo internazionale, gli operatori della Polfer del Compartimento Polizia Ferroviaria del Friuli Venezia Giulia hanno partecipato alle 5 “Rail Action day” organizzate per contrastare i fenomeni criminosi maggiormente diffusi in ambito ferroviario e prevenire possibili azioni terroristiche o eversive.

L’attività di contrasto ai furti di rame, che in ambito ferroviario spesso causano ritardi alla circolazione dei treni e consistenti disagi per i viaggiatori, si è tradotta in 79 controlli ai centri di raccolta e recupero metalli, in circa 218 servizi di pattugliamento delle linee ferroviarie ed in 28 servizi di controllo su strada a veicoli sospetti. Sono state emesse sanzioni per un importo di 3.616,00 euro. Diversi gli episodi registrati anche quest’anno, di ragazzi sui binari per giochi e sfide che avrebbero potuto avere conseguenze tragiche. Spesso in questi casi i giovani protagonisti ignorano i pericoli presenti nelle stazioni o sui treni.

Per questo la Polizia ferroviaria è da tempo impegnata nelle scuole per promuovere, in particolare fra gli adolescenti, la cultura della sicurezza individuale in ambito ferroviario. Sono stati alcune centinaia gli studenti raggiunti nel corso dell’anno, purtroppo condizionato dal decorso della pandemia, nell’ambito del progetto di educazione alla legalità, “Train…to be cool”, realizzato in collaborazione con il MIUR e con il supporto scientifico della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università di Roma La Sapienza. Il personale della Polizia Ferroviaria dal mese di ottobre 2023 è altresì impegnato nella Stazione Ferroviaria di Villa Opicina in servizi di controllo dei treni provenienti dalla vicina Slovenia a seguito della sospensione dell’Accordo di Schengen e la conseguente intensificazione dei controlli alla frontiera in ingresso stato.



Questo è un articolo pubblicato il 03-01-2024 alle 16:57 sul giornale del 04 gennaio 2024 - 20 letture






qrcode